Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

SALUTATE LA CAPOLISTA !!

I siti specializzati in calcio minore davano la partita Porza – Stabio come la partita di cartello della seconda giornata.

Errore da matita rossa!! Troppo è stato il divario fra le due compagini per definirla partita di cartello, solo una certa sufficienza difensiva degli ospiti ha permesso al Porza di rimanere in partita fino al 56esimo.

Andiamo con ordine, …

McD si affida alla linea “brizzolata” presentando nell’undici iniziale tutti i giocatori d’esperienza a sua disposizione compreso Michael che, “brizzolato” non è, ma che per saggezza calcistica, dinamismo e stazza è equipollente ai “brizzolati”.

Pronti via e lo Stabio con il trio Stefano, Ilir, Danilo fa ammattire la difesa locale fino a costringerli al fallo da rigore procuratosi con mestiere da Danilo.

Trasforma Graziano non senza un piccolo brivido, il portiere infatti tocca la palla.. 0 a 1.

Il Porza cerca una timida reazione ma il loro unico schema pericoloso è la rimessa lunga con le mani, sfruttano la gittata di un giocatore e le dimensioni ridotte del campo.
Su una di queste rimesse concessa un po’ ingenuamente da Iari, Cristofer viene chiaramente ostacolato in uscita, la palla carambola sull’onnipresente Facchia e mestamente si insacca 1-1.

Non passa neanche un minuto ed il portiere del Porza si fa scavalcare da un rimbalzo, il Cobra è in agguato, e senza fatica appoggia in rete 1-2.

Passano pochi minuti e Ilir, anche lui con mestiere, cerca e trova il rigore, questa volta Graziano realizza con sicurezza 1-3.

Abbiamo un paio di grandi occasioni per chiudere la partita con Genf e Stefano ma non le concretizziamo.

“Gol sbagliato gol subito” recita un vecchio adagio del calcio… in questo caso “2 gol sbagliati due gol subiti” !!!

Complice il sole negli occhi, una certa rilassatezza mentale dovuta ad doppio facile vantaggio, un filtro a centrocampo non ottimale, fatto sta che la loro punta centrale si infila indisturbato fra Nicholas e Miro e realizza il 2-3.

Il Porza prende coraggio, noi non ci mettiamo la corretta dose di agonismo e la partita diventa più equilibrata.

Al 45esimo veloce uno-due sulla fascia sinistra del Porza, Leo viene preso in mezzo, cross al centro, palla che sbatte su di un braccio di un nostro difensore e l’arbitro, che già ci aveva concesso due sacrosanti rigori contestatissimi dagli avversari, non può esimersi dal fischiare la massima punizione… 3-3.

Primo tempo buttato alle ortiche, male !!! dovevamo rientrare negli spogliatoi almeno con due gol di vantaggio.

Inizia la ripresa e McD avvia la girandola di cambi, entrano Filippo, Cere e Biondo.

Il Porza sulle ali dell’entusiasmo si crea una occasione colpendo una traversa clamorosa con un tiro da fuori poi più nulla.

Riprendiamo in mano il gioco ed al 56esimo Ilir si guadagna il terzo rigore della giornata, sicuro Facchia trasforma 3-4.

Partita quasi finita, dietro siamo più concentrati, sulle fasce Cere e Filippo sono invalicabili, non concediamo più rimesse laterali, davanti in contropiede siamo letali, solo l’arbitro ci ferma per fuorigioco dubbi.

È giusto rimarcare come per l’arbitro da solo sia difficile giudicare i fuorigioco con velocisti quali Stefano e Ibra.

McD chiama il cambio esce Stefano, il terzino che lo marcava innalza una preghiera di ringraziamento ai santi Bernardino e Martino patroni di Porza, entra Ibra e dopo due scatti il citato terzino capisce che è caduto dalla padella nella brace, maledice i santi patroni e si rassegna a vedersi sgattaiolare da ogni parte il furetto nero.

Colpiamo una traversa, sbagliamo alcuni gol poi, finalmente, al 85esimo Botti chiude la partita.

Al triplice fischio l'allenatore del Porza sig. Capobianco si avvia verso gli spogliatoi a Capochino...

Siamo soli in testa, ma non è una vittoria che deve lasciarci tranquilli, contro un avversario di maggior qualità certe amnesie difensive del primo tempo e una cronica mancanza di aggressività potrebbero costarci caro.

Si accettano scommesse su chi sarà il capocannoniere della squadra, io punto tutto su Facchiano, infatti non è casuale che in due partite ci abbiano accordato ben 5 rigori.
Le nostre punte sono troppo tecniche e veloci per le difese di quinta lega, punizioni e calci di rigore saranno una consuetudine, a noi il compito di saperle sfruttare al meglio.

   

 

 

 

 

   

   
© Football club Stabio web Hosting Digital Code Chiasso