Valutazione attuale:  / 2
ScarsoOttimo 

Stabio - Arogno 1-1 (0-0)

Ci mancava solo il referendum sull’autonomia a rompere i “Maroni e gli Zaia”, fissato con padana perfidia proprio nel giorno dell’incontro di cartello con l’Arogno, ci ha privato di tre validi elementi precettati ai seggi..

A questi si aggiunge Denny colpito da “labronica saudade”

Fortunatamente quelli dell’ospedale Civico di Lugano non hanno cambiato il turno a Nicholas, qualcuno ci avrà messo una buona parola…

Malgrado le assenze giochiamo una bella partita, forse esteticamente la migliore del campionato, merito anche dell’Arogno, squadra corretta che gioca un calcio propositivo senza cattiverie ed isterismi.

La squadra è molto ben messa in campo con i tre marcantoni in difesa, due motorini di cui uno truccato sulle fasce, i tre senatori a centro campo, Danilo che agisce da “finto nueve” e un miracolato Ilir di punta.
Miracolato perchè Ilir sabato scorso aveva dovuto abbandonare il campo per un fastidio muscolare, brillantemente e velocemente risolto dalla nostra massaggiatrice Laura grazie alla rivoluzionaria terapia del “su e giù dal ponteggio”. Terapia che applicheremo a tutti i prossimi infortunati.

Il primo tempo è molto equilibrato, possiamo solo segnalare una occasione per gli ospiti creata da noi…, ed una occasione per noi su cui Danilo si “addormenta” un po’..

Siamo però ben messi in campo, la difesa non concede nulla, il centrocampo gira a meraviglia le punte fanno quello che possono..

La ripresa vede qualche cambiamento, entra il reduce dal viaggio di nozze Robbia, e Genf viene spostato un po’ più avanti.

Verso il 60°, su di una rimessa laterale Robbia accetta i suggerimenti del pubblico, dà la palla a genf che controlla di sinistro, si gira e di destro scarica nel “sette” opposto: bel gol, siamo in vantaggio “finalmente”..

Passano un paio di minuti e su una palla vagante che attraversa tutta l’area da sinistra a destra Edo calcola male l’attrito dell’erba, la densità dell’aria e la resistenza dei tacchetti, fatto sta che, pur se la palla è a cinque centimetri dalla linea, impatta palla, caviglia e suola, il tutto su palo.
Si rimane sul 1 a 0 ma Edo lo vediamo male ai prossimi esami di fisica al Poli..

L’inerzia è dalla nostra parte, l’Arogno si riversa in avanti, ma la sua è una pressione improduttiva.

Verso il 75° bella azione sulla nostra destra, Andrea che, non si sa come mai si trova in quella zona dell’area, rimane calmo e scarica dietro a Genf, il capitano, per una volta, non tira in porta ma serve una palla perfetta sulla testa di Valmir, ma questi, a portiere ormai battuto, colpisce il palo.
Solo “lo sciagurato Egidio” di rossonera memoria era altrettanto sfortunato.

Gol sbagliato gol subito, recita un vecchio adagio, ed in effetti al 83° in mischia l’Arogno pareggia.
Poi a pochi minuti dalla fine Genf viene lanciato in contropiede, è in fuorigioco, ma l’arbitro non fischia, purtroppo per noi l’ultimo difensore salva con la punta dello scarpino, avesse calzato il 37 di Palanca non ci sarebbe riuscito.

L’ottimo arbitro Corna, fischia la fine, sancisce un pari che non serve a nessuno, anzi no …la Campionese ed il suo allenatore presente a bordo campo festeggiano.

Peccato, era una partita da vincere, una partita che si poteva vincere, una partita che non abbiamo avuto la forza e la cattiveria di uccidere.

 

Non è nostra abitudine ma vogliamo segnalare i migliori in campo e fuori:

  • per lo Stabio il migliore è sicuramente Pesciallo, chiamato all’ultimo minuto, ha disputato un’ottima partita ed ha anche negato a Genf la gioia dell’autogol.
  • Per l’Arogno un dirigente a bordo campo, zona spogliatoio, nel primo tempo ha mandato verbalmente in confusione il nostro Pescia che quasi combina il patatrac, alla fine del secondo tempo gridando “arbitro HOPSAI” ha fatto perdere a Genf quella frazione di secondo che ha permesso al difensore di salvare con la punta del piede

mancano 42 punti, potrebbero non bastare, ma bisogna crederci fino alla fine

   

 

 

 

 

   

   
© Football club Stabio web Hosting Digital Code Chiasso