Valutazione attuale:  / 1
ScarsoOttimo 

"Il visconte dimezzato del FC Stabio"

Abbiamo appurato che il visconte Merardo di Terralba è in realtà mister Vito Addonizio, colpito da una pallonata calciata dal collega di lavoro Cece e divisosi in due parti:
quella buona allena con ottimi risultati gli allievi B del FC Stabio, quella malvagia allena la combriccola di quasi veterani del Vacallo Vintage.
Martedi sera si è materializzata la parte malvagia in tutta la sua interezza infliggendo una amarissima sconfitta ai nostri prodi cavalieri.
Maligni vociferano che il suo influsso malefico abbia avuto effetto anche sulla improvvisa ed inaspettata sequenza di infortuni che hanno colpito la nostra "linea maginot", Nicholas con il ginocchio fuori uso, Iari influenzato, Miro impegnato in uno show televisivo.
A questo si aggiunga che in settimana mancano gli studenti.
McD deve, gioco forza, rivoluzionare l'assetto della squadra: Genf arretra in difesa, Cece viene promosso titolare sperando che con un'altra pallonata elimini definitivamente la parte malvagia del visconte , Ilir sostituisce Teo.
Non che i sostituti siano da meno dei titolari, ma la squadra aveva trovato i propri equilibri difensivi e, stante le difficoltà a segnare, la difesa era il nostro punto di forza.
A questo si aggiunga che McD, coerentemente a quanto affermato in settimana, da un turno di riposto al portiere schierando fra i pali Pesciallo (ex vacallo).
Tutti siamo un po' titubanti ad inizio partita, ma dopo soli 50 secondi ci si tranquillizza: discesa di Omar che offre su di un piatto d'argento al centro per Ilir che non sbaglia.
Siamo in vantaggio dopo un solo minuto, incredibile, magari è più facile del previsto.
La gioia ha una durata effimera dopo pochi minuti un difensore del Vacallo, lasciato colpevolmente libero sulla trequarti, è indeciso se tirare in porta o crossare, gli parte un tiraccio che è una via di mezzo, fatto sta che ne esce una palombella che scavalca Pesciallo.
Iniziamo ad innervosirci, si sente la mancanza della linea maginot che infonde tranquillità.
Passono pochi minuti e subiamo il secondo gol: azione sulla destra del Vacallo, due nostri giovani difensori non sono abbastanza furbi da temporeggiare, si fanno saltare la palla arriva al limite dell'area dove all'attaccante viene lasciato tutto il tempo per girarsi ed insaccare.
Dopo 10 minuti siamo sotto 1 a 2, malgrado McD dica a gran voce che la partita è ancora lunghissima, in troppi ci si fa prendere dall'agitazione.
Sprechiamo le nostre solite occasioni e si smette di giocare di squadra, anzi prendono il sopravvento reciproche incompresioni che portano a screzi in campo.
Il secondo tempo ci vede sempre in attacco, ma con poca furbizia, raramente si riesce a sfruttare la nostra maggiore velocità, quasi mai le punte tengono palla facendo salire la squadra.
Le reali occasioni sono frutto di azioni personali ed estemporanee come il gran tiro da fuori di Biondo che lambisce l'incrocio.
Poi verso il 30° l'arbitro ci accorda una punizione a circa 45 metri dalla porta, prende la palla Genf, il vostro cronista pensa "adesso questo tira in porta e la palla andrà in piazza", invece il capitano tira si in porta ma centra lo specchio, tiro comunque non pericoloso ma il portiere avversario, forse accecato dalla potente illuminazione istallata dalle AMS, si fa passare la palla fra le mani.
Rocambolesco pareggio, la si può ancora vincere.
Si rimane comunque nervosi, Denny si fa ammonire stupidamente manco fosse un allievo A in piena tempesta ormonale, poi commette un fallo e si becca il secondo giallo e relativo rosso.
Anche se in 10 McD vuole ugualmente vincere ma non ha fatto i conti con il visconte dimezzato.
Punizione dalla trequarti per il Vacallo, palla alta a spiovere, Pesciallo grida "mia", protende le mani al cielo poi, essendo un ex Vacallo, si ricorda della malvagità del Visconte e pensa sia più prudente non inimicarselo, la palla lo supera beffardamente e si insacca.
Inutili gli arrembaggi finali.
il Vacallo vince 3 a 2.
avevamo subito un gol in 3 partite... ne abbiamo presi 3 in una sola !!!
Nelson Mandela diceva che non esiste sconfitta : o vinci o hai qualche cosa da imparare.
Noi abbiamo tanto da imparare, specialmente nell'atteggiamento fra di noi, nel non voler risolvere le partite da soli, nel non sentirci i migliori della squadra e nel non sottovalutare mai nessun avversario.
Il campionato è ancora lungo, di punti ne perderanno tutti ma con questo approccio non si va lontani.

malgrado tutto mancano 52 punti alla meta


Il Visconte dimezzato è un romanzo di Italo Calvino scritto nel 1951

   

 

 

 

 

   

   
© Football club Stabio web Hosting Digital Code Chiasso