Valutazione attuale:  / 1
ScarsoOttimo 

FC Origlio-Ponte Capriasca         FC Stabio      3:5

Tante le assenze di peso, squadra infarcita di ragazzi degli allievi A che sono sempre disponibili a dare una mano, GRAZIE !!
In questi casi si vede la differenza tra una società che ha un proprio valido settore giovanile rispetto a quelle che fanno capo ad un raggruppamento o a quelle che hanno solo gli attivi.

I "vecchietti" superstiti, temendo di perdere definitivamente il posto, danno il meglio di se. l'età media ponderata dei goleador odierni sfiora i 35 anni ma hanno uno spirito da ragazzini.

Sul campo dell’Origlio i gialloneri erano chiamati ad una prova di reazione dopo la sconfitta patita mercoledì contro il Gravesano. Ed in effetti gli uomini di Marco Daniele hanno saputo sfoderare un’eccellente prestazione andando ad imporsi per 5 a 3 grazie ad una grande prova di squadra contro una diretta concorrente.

I timori della vigilia dovuti alle molte assenze sono stati spazzati via già dai primi minuti, dato che lo Stabio è riuscito subito a sbloccare il risultato grazie a Turbo Lupica, il quale imbeccato da un perfetto lancio di un ispiratissimo Cece, ha lasciato sul posto i difensori avversari e trafitto il portiere da pochi passi. L’Origlio subisce il colpo e lo Stabio ne approfitta per andare a colpire nuovamente qualche istante dopo. Questa volta è uno scatenato Filippo Reggi a gettare scompiglio sulla fascia sinistra e a mettere al centro un pallone d’oro sfruttato al meglio dal rapace Ciski Marzella.

Una volta sentita la notizia del raddoppio il tesoriere collegato via satellite mette in guardia i supporter dello Stabio accorsi in massa ad Origlio a non cantar vittoria troppo presto ed in effetti i padroni di casa riescono nel giro di pochi minuti a trovare due reti grazie ad Ugo Giuliano che prima segna con una perfetta punizione e poi trova il pareggio con una conclusione della domenica insaccatasi all’incrocio dei pali. Lo Stabio non si abbatte per la rimonta subita e ancora prima del termine del primo tempo ritorna in vantaggio con una rete (di testa!) del solito Ciski che consente ai gialloneri di andare alla pausa meritatamente in vantaggio.

Nella ripresa Marco Daniele inserisce alcune forze fresche (per non dire congelate vista la temperatura) compreso l’ottimo Jeksmiran Somu al suo esordio assoluto in prima squadra. E il secondo tempo comincia come il primo con uno Stabio più concentrato rispetto agli avversari e pronto a colpire con Cece Mammoliti che corona così la sua grande prestazione con una conclusione vincente dalla distanza. L’ultimo ad arrendersi dell’Origlio è il talentuoso numero dieci Ugo Giuliano, il quale si procura il rigore che lui stesso trasforma nonostante Samuel Scavone (per l’occasione in tenuta rosso-verde tipo Carnevale di Rio) avesse azzeccato l’angolo giusto.

A chiudere definitivamente i giochi ci ha pensato ancora Davide Lupica che con una zampata delle sue ha saputo aggirare il portiere ed infilare la porta sguarnita per il definitivo gol del 5 a 3 finale. Grazie a questi tre punti lo Stabio chiude in bellezza il girone d’andata balzando all’ottavo posto in classifica e con la speranza di rivedere anche al ritorno lo stesso spirito messo in mostra ad Origlio.

 

N.d.R.

si ringrazia il giornalista degli allievi A che ha supplito all'assenza del reporter ufficiale.

Alcune considerazioni al termine del girone di andata:

L'obiettivo iniziale era una tranquilla salvezza, stiamo rispettando la tabella di marcia ma, col senno di poi, rimane qualche rammarico: si poteva fare di più

Siamo a metà classifica, ma la classifica, nelle parti basse, è cortissima quindi la salvezza è tutt' altro che scontata.
è un campionato anomalo nessun risultato è scontato.
Noi dobbiamo trovare un po' di continuità, abbiamo fatto punti con le prime e regalato l'unica vittoria al fanalino di coda..
Paghiamo forse il fatto che la nostra squadra è composta o da "vecchietti" o da "ragazzini", manca la "generazione di mezzo" e spesso la necessaria tranquilllità in campo viene meno.
Le due anime della squadra devono imparare a coesistere, i giovani accettare i consigli, gli anziani spiegare e non criticare.
In compenso rispetto agli scorsi anni la preparazione fisica è molto migliorata e, come logica conseguenza, sono scomparsi affaticamenti muscolari ed inutili ammonimenti dovuti alla mancanza di ossigeno al cervello.

Nel ritorno, se rientreranno alcuni assenti di lunga data, potremo sicuramente fare meglio.

FORZA STABIO !!!!!

   

 

 

 

 

   

   
© Football club Stabio web Hosting Digital Code Chiasso