Valutazione attuale:  / 1
ScarsoOttimo 

Stabio – Comano  1 – 1  (0-1)

 

Dopo l’inopinata sconfitta infrasettimanale contro il malcantone si temeva molto questa partita, ricevevamo la capolista Comano, capolista dopo sole 3 partite ma pur sempre a punteggio pieno.

Rientrati i motorini delle fasce Reggi e Berardo, dobbiamo annoverare le assenze di Milo per problemi ad un ginocchio, le malelingue dicono che non si fosse ancora ripreso dal rave party della sera prima al Serpiano, Cereghetti sempre alle prese con la tendinite, Ale impegnato a contenere il corteo di automi, NO_TAV e blackblock a Chiasso, Robbiani stressatissimo alle Maldive, Spino che, malgrado originario delle Calabrie,  sembra sia tenuto in ostaggio in  Aspromonte.

Si gioca con l’ormai consolidato 3-5-2, modulo che, come nella cantera del barcellona, è stato imposto anche agli allievi B, l’allenatore degli allievi A ha chiesto una deroga…

Il caldo torrido di questo settembre condiziona il ritmo della partita che rimane molto blando.

Poche occasioni da entrambe le parti, da annotare unicamente una “cinciskiata” di Ciski in area che invece di calciare al volo vuole controllare la palla e perde l’attimo fuggente.

Risultato che si sblocca su calcio di rigore concesso al Comano per una ingenua uscita di Samuel ed un generoso fischio del direttore di gara.

La partita inizia ad innervosirsi e l’arbitro, che già aveva rovinato la giornata al cassiere presentando il conto maggiorato per la trasferta da Cresciano, fatica a tenerla in pugno.

Abbiamo qualche occasione per pareggiare ma niente di eclatante, termina il primo tempo con gli ospiti in vantaggio di un gol.

Ad inizio ripresa Genf viene spostato a centrocampo ed Edo arretra in difesa.

Subito la squadra guadagna metri e creiamo qualche occasione per pareggiare, specialmente Lupo si trova spesso a diretto contatto con gli avversari in area ma, confidando sulla regola della compensazione, cerca sempre il fallo da rigore invece che puntare la porta.

Su una di queste incursioni viene abbattuto al limite dell’area lato spogliatoi.

Dalla punizione, su cross di Rudi, arriva la palla sul secondo palo dove Genf insacca di testa.

Abbiamo subito l’occasione per portarci in vantaggio ma Cece in mischia non riesce a coordinarsi.

Complice il caldo, la stanchezza, le decisioni strane dell’arbitro il livello di nervosismo aumenta in entrambe le contendenti, e si passa dal calcio giocato al calcio parlato…si discute con tutti, arbitro, avversari, compagni, guardalinee

Sul finire esce anche Reggi, reduce pure lui come Milo dal rave party, perdiamo un po’ le misure in difesa e lasciamo il centrocampo al Comano.

Non si corrono comunque eccessivi problemi, anzi Gianni ha una ghiotta occasione ma calcia nel giardino di “casa letizia”.

Termina 1 a 1, risultato giusto, risultato che in tanti avremmo firmato in anticipo.

Si muove la classifica, ora ci aspetta il Melano, ancora in casa, ed i 3 punti sono d’obbligo.

Una considerazione a margine della partita: sembrava di essere tornati allo scorso anno, troppe discussioni, troppe proteste, troppi ammonimenti inutili, alcuni falli erano da arancione e non solo da giallo, ricordiamoci che la classifica a parità di punti premia le squadre meno ammonite

   
© Football club Stabio web Hosting Digital Code Chiasso